#MarcHuzzo_eXperience

LA STRADA DEL ROSSO PICENO SUPERIORE

La Strada del ROSSO PICENO Superiore e IL FALERIO DEI COLLI ASCOLANI

La strada del Rosso Piceno Superiore si sviluppa tra le colline e il mare.

Per iniziare, si parte da Offida si dirige verso il centro di Acquaviva Picena per poi scendere verso il mare fino a San Benedetto del Tronto. Da questa direttrice principale si diramano altri percorsi che conducono verso le cantine producono vari tipi di Rosso Piceno.

Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione controllata Rosso Piceno Superiore sono prodotte nella zona dei  Comuni di:

Acquaviva Picena, Ascoli Piceno (parte), Castel di Lama, Castorano, Colli del Tronto (parte), Grottammare, Monsampolo del Tronto (parte), Monteprandone (parte), Offida, Ripatransone (parte) San Benedetto del Tronto (parte), Spinetoli (parte).

Il Rosso Piceno Superiore è una delle tipologie del Rosso Piceno, vino a denominazione d’origine controllata dal 1968, prodotto nel territorio della provincia di Ascoli Piceno .

La denominazione D.O.C. “Rosso Piceno”  anche nelle tipologie  Superiore e Novello è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti  con la composizione  varietale di: Montepulciano: dal 35 al70% Sangiovese: dal 30 al 50%

Falerio dei Colli Ascolani

Il Falerio dei Colli Ascolani, vino bianco, anch’esso a denominazione d’origine controllata (dal 1978) occupa tutta la fascia collinare sub-appenninica della provincia sino al litorale.

E’ ottenuto dalle uve provenienti da vigneti composti da: Trebbiano toscano: dal 20 al 50%, Passerina: dal 10 al 30%, Pecorino: dal 10 al 30 % possono inoltre concorrere da sole o congiuntamente, fino ad un massimo del 20%, tutte le altre varietà a bacca bianca, non aromatiche, raccomandate e/o autorizzate dalla provincia di Ascoli Piceno.

Inoltre le uve devono essere prodotte nel territorio amministrativo della provincia di Ascoli Piceno adatto alla coltura, con esclusione quindi dei terreni di fondovalle ed eccessivamente umidi e quelli ubicati ad una altitudine superiore ai 700 metri s.l.m..

Le condizioni ambientali devono essere quelle tradizionali della zona, per conferire alle uve e al vino le specifiche caratteristiche di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *